Canale non Ufficiale

Conosciamoli meglio: Marco Andreolli

Tra i nomi per la difesa circolati in questi giorni, uno di quelli che meno solletica il palato dei tifosi è quello di Marco Andreolli. Il giovane centrale però è un giocatore fatto e finito, già rodato in Serie A e con buoni margini di miglioramento. Ecco la sua scheda e i motivi per cui un suo approdo alla Juve non sarebbe poi così male.

Biografia: Marco Andreolli (Ponte dell’Olio, 10 giugno 1986) entra nelle giovanili del Padova ad appena 8 anni, e le sue doti nel 2003 attirano l’interesse dell’Inter, che decide di portarlo a Milano per la sua Primavera. Già sul finire della stagione 2004/05 Marco, appena ventenne, esordisce in Serie A e dall’annata successiva viene aggregato in pianta stabile in prima squadra. Nonostante le buone doti però non trova molto spazio tra i difensori nerazzurri, e nel 2007 viene ceduto alla Roma in comproprietà come parziale contropartita per Christian Chivu. Complice un infortunio alla schiena però, nemmeno coi giallorossi riesce ad affermarsi e senza mai giocare va in prestito in B al Vicenza a metà stagione (3 sole presenze). A fine anno viene riscattata dai capitolini anche l’altra metà del suo cartellino, nell’ambito dell’affare Mancini sempre coi nerazzurri, e Marco viene mandato in prestito al Sassuolo. In Serie B disputa la sua prima vera stagione da professionista; 28 presenze e una rete per lui in neroverde, con il Sassuolo che con Andreolli al centro della difesa vede sfumare per pochissimo il sogno promozione. Nonostante l’ottima esperienza tra i cadetti, la Roma mostra ancora di non voler puntare su di lui nell’anno seguente, e a fine 2010 viene ceduto a titolo definitivo al Chievo Verona. Con i gialloblu Marco, sgomitando tra i vari Yepes, Cesar e Morero, riesce a conquistarsi un posto da titolare praticamente fisso, totalizzando 48 presenze in 2 anni e mettendo a segno la sua prima rete in Serie A.

Caratteristiche tecniche: un metro e 89 per 80 kg, a un’ottima fisicità Andreolli unisce anche uno spiccato senso della posizione, affinato negli anni avendo giocato sin da giovanissimo con grandi professionisti. Le esperienze con Inter e Roma, nonostante il poco spazio in campo, hanno affinato Marco anche dal punto di vista caratteriale, tanto che a vederlo giocare col Chievo sembra quasi un veterano per la scaltrezza con cui interpreta il ruolo. Non ha il piede per far ripartire l’azione e non ha un gran feeling con il gol, ma dietro è una sicurezza e nell’ 1 contro 1 raramente si lascia sorprendere. Si tratta, in definitiva, di un giocatore molto solido, quasi sempre una garanzia.

Giudizio: l’acquisto di Andreolli sarebbe pienamente in linea coi parametri seguiti da Marotta in questi anni: italiano, giovane ma non troppo ed economico, visto che il suo contratto scade nel 2013. La Juve di Conte guadagnerebbe un giocatore in età ancora verde ma già rodato, che rappresenterebbe un’ottima alternativa a tutti i centrali della difesa bianconera. Considerando che puo’ arrivare per nemmeno 2 milioni, perchè non provare?

Scritto da il 29 lug 2012 . Registrato sotto Conosciamoli meglio, Generali, Il punto, News .

TI POTREBBERO INTERESSARE

 

Sondaggio

Come completare il mercato in entrata?

View Results

Loading ... Loading ...

CJ sul tuo smartphone

LA VIGNETTA

Social Network