Canale non Ufficiale

ESCLUSIVA CJ – Francesco Morini: “L’unica persona a capire di calcio nella Juve è “Donna Allegra”…Vi svelo la frase che ha detto Conte ad inizio stagione alla squadra”

di Mauro Sarrica

Francesco Morini detto “Morgan”, due vite per la Juventus. Prima da calciatore, poi da dirigente. Fisico poderoso e asciutto, Morini era uno di quei rari atleti mai domi, di grandissima utilità, capaci di giocare anche con una caviglia a pezzi, con un muscolo dolente. L’unico a parlare “per più di 80 minuti con l’Avvocato. Tutti si vantano di averlo conosciuto, ma questo record non lo batte nessuno”. Frasi forti, da uomini tosti. Pensieri genuini espressi in esclusiva a Canale Juve, dove l’ex mastino bianconero elogia a dismisura Antonio Conte e i suoi ragazzi, “un gruppo che entusiasma, un orgoglio per i tifosi bianconeri” e suggerisce alla dirigenza di ascoltare il parere di “Donna Allegra” per i prossimi innesti sul mercato:

Signor Morini, arriva alla Juventus dalla Samp in compagnia di “Bob” Vieri. L’inizio però non è stato dei più promettenti…
“Sì. Purtroppo ho trovato un allenatore fuori di testa come Carniglia. Diceva ai giornalisti “Para mi va todo bien”. Todo bien un cavolo…Ha combinato tanti pasticci, voleva mandare via tutti gli ultimi arrivati. Ho passato momenti difficili, avevo perso pure molto peso. Devo ringraziare il nostro libero Castano che mi dava la forza per andare avanti. Alla fine ho vinto io, sono rimasto a Torino dieci anni, l’argentino dopo appena quattro mesi è andato via…(ride, ndr)”.

Il trionfo più bello e il rimpianto più grande.
“In bianconero ho passato degli anni meravigliosi. Abbiamo centrato risultati eccezionali sia in Italia che in Europa. Ho avuto come compagni dei veri campioni. Sono tanti i ricordi, di rimpianto ne ho solo uno: la finale di Coppa Campioni di Belgrado persa contro l’Ajax. Una squadra fortissima, ma non proprio imbattibile. Diciamo che avremmo potuto giocarcela senza problemi, invece andò come tutti sanno”.

Lascia la Signora nel ’79 per trasferirsi in Canada. Perché è andato via?
“Avevo trentacinque anni e ormai non facevo parte della formazione titolare. La gente però voleva che giocassi io perché Brio non era stato convincente nelle sue prime apparizioni. Nonostante l’affetto smisurato dei tifosi, chiesi alla società di provare una nuova esperienza. E andai in Canada, a Toronto. Un giorno mi chiama l’Avvocato che oltre a chiedermi le sue solite informazioni sui vari Beckenbauer, Cruijff, Chinaglia finiti lì a fine carriera, mi disse “Morini la smetta di fare il coglione in giro per l’America. Torni da noi a fare il direttore sportivo”. Mi avevano offerto di dirigere una scuola calcio, mi davano 150.000 dollari all’anno. Sono tornato a Torino per 3 milioni lordi al mese. Ma non potevo dire di no alla Juve…”.

A proposito dell’Avvocato, ci racconti qualche succoso retroscena che vi ha visto protagonisti, tenuto ancora oggi nascosto.
“Ero in ritiro con la squadra in Svizzera, da direttore sportivo. Una mattina mi chiama la segretaria, mi dice che l’Avvocato avrebbe voluto passare una giornata con la squadra e quindi dovevo andare a prenderlo in aeroporto a Zurigo. Lui arrivava alle otto del mattino, io ero già lì alle 4 di notte. Avevo paura di ritardare…Abbiamo fatto un viaggio in macchina insieme di 80 minuti. Tutti si vantano di averlo conosciuto, ma questo record non lo batte nessuno”.

Passiamo ora alle vicende attuali di Madama. Come giudica il rotondo successo di ieri sera contro la Roma?
“Mi sono divertito tanto. La Juve quest’anno sta entusiasmando, stanno facendo delle cose veramente stupende. Molto di più di quello che mi aspettavo ad inizio stagione. Ci rende orgogliosi a tutti, vecchi giocatori, società e tifosi. E’ un piacere immenso vederla giocare”.

Possiamo tranquillamente dire che è tutto merito di Antonio Conte lo spettacolo che stiamo apprezzando?
“Assolutamente sì. Ha dato all’ambiente e alla squadra il suo spirito, da puro combattente. Uno spirito che ho avuto modo di vedere quando all’epoca ero dirigente e Antonio era appena arrivato alla Juve. E’ un ragazzo d’oro, gli dicevo sempre così prima di entrare in campo: “Chi ha testa, il fisico non soffre”. Ovvero chi ragiona poi in campo ha dei vantaggi…E’ una frase che ho appreso da Fulvio Bernardini, il mio allenatore ai tempi della Samp, e sono sicuro che anche Conte l’abbia detta ad inizio campionato alla squadra”.

Lei è stato un autentico muro difensivo. E’ rimasto sorpreso un po’ dalla straordinaria stagione di Barzagli?
“Barzagli ha giocato bene anche l’anno scorso, purtroppo era la squadra a non girare. E’ un difensore intelligente, si sta esprimendo a livelli altissimi. Come Bonucci, che all’inizio ha stentato ma adesso non sbaglia più un colpo. Diciamo che l’intero reparto ha raggiunto un importante equilibrio”.

Trova qualche nota stonata in questa perfetta armonia?
“Forse l’unico giocatore che faccio fatica a capire è Vucinic. Ha enormi potenzialità, ma a volte è proprio irritante, sembra sparire dal campo. Mi auguro che diventi più continuo, la Juve ha bisogno del suo talento. In avanti ci vuole imprevedibilità, lui è uno dei pochi in organico ad avere determinate doti. Basta che decida di sfruttarle però…”.

Per la conquista dello Scudetto è ormai cosa fatta o è ancora presto per cantare vittoria?
“Quando giocavo io, non eravamo mai abituati a parlare prima del previsto. Come dice il Trap non dire gatto se non ce l’hai nel sacco… Questa regola vale sempre. Scherzi a parte, bisogna andare avanti, rimanere concentrati ed evitare cali di tensione”.

Adesso che il ritorno in Champions League è ufficiale, quali innesti vanno fatti per poter competere alla pari contro le big del calcio europeo?
“Di sicuro un centravanti di caratura internazionale da venti gol a stagione. Per il resto chiedete a “Donna Allegra” (la mamma di Andrea Agnelli ndr), è l’unica che in società capisce di calcio…”.

Secondo Lei all’Avvocato Agnelli sarebbe piaciuta questa Juventus?
“Credo di sì, lui è stato un amante del bel gioco, dei grandi campioni. Magari in attacco avrebbe voluto vedere un fuoriclasse, essendo abituato molto bene, ma si sarebbe divertito eccome…”.

Scritto da il 23 apr 2012 . Registrato sotto Esclusive, Generali, Il punto, News .

TI POTREBBERO INTERESSARE

 

Sondaggio

Come completare il mercato in entrata?

View Results

Loading ... Loading ...

CJ sul tuo smartphone

LA VIGNETTA

Social Network