Ieri granata, oggi commissario tecnico dell’Albania, Gianni De Biasi ha espresso la sua opinione riguardo le sorti del campionato italiano che si concluderà in maggio.

Ecco le parole del mister a “Diario di Bordocampo” trasmissione dell’emittente radiofonica Radio Incontro 105.8 fm sulla lotta scudetto e sul torneo in generale:

La Juve ha questo punto di vantaggio che potrebbe conservare fino alla fine. Ha meno infortunati rispetto al Milan , che già da questa sera (ieri ndr) contro il Chievo avrà assenze importanti ed ha un calendario migliore.

Sul terzo posto Champions League:

“Dipenderà da diverse situazioni. Credo l’Udinese abbia calendario migliore anche se la vittoria della Lazio contro il Napoli ha dato grande entusiasmo all’ambiente biancoceleste. – prosegue – Vedremo che risposte darà la Lazio dallo scontro contro la Juventus“.

Sulla Roma di Luis Enrique :

Per la squadra che ha a disposizione doveva fare un campionato diverso. E’ un allenatore straniero e si deve calare in questa realtà. Dovrebbe coniugare il bel gioco con i risultati. Di sicuro se pensi di giocare bene e perdi, significa che non giochi bene“.

Sulla sua ex squadra l’Udinese ed il suo uomo-simbolo Di Natale:

L’Udinese ha una grandissima organizzazione. Sanno scovare giocatori che i procuratori non propongono. Totò è un grandissimo calciatore non si vincono 2 titoli di capocannoniere in Italia giocando in una provinciale a caso. Per far capire quanto sia importante per la squadra basti pensare che ha segnato circa il 67% dei gol dell’Udinese“.

A De Biasi viene chiesto che tipo di carriera avrebbe fatto Di Natale in una grande squadra:

Non so. Le grandi squadre comportano pressioni diverse. – va avanti – Di Natale poteva andare alla Juventus, ma ha rifiutato facendo una scelta di vita: probabilmente voleva essere il primo ad Udine che il quarto-quinto alla Juventus“.

Sulla lotta per non retrocedere:

L’unica squadra che potrebbe uscirne dalla lotta per non retrocedere è il Lecce di Cosmi che ha fatto un grande lavoro in Salento e che va rivalutato come allenatore nel panorama nazionale“.

 

COMMENTA L’ARTICOLO SUL NOSTRO FORUM