Questioni di tattica: Juventus – Inter

Con la finale di Coppa Italia archiviata, i bianconeri si trovano ad affrontare uno degli avversari più ostici dell’intero campionato. I nerazzurri di Ranieri, ancora in difficoltà con la crisi ma convinti di rilanciare la propria deludente stagione con gli avversari di sempre. Il derby d’Italia è alle porte, vediamo dove ci porterà. Sicuramente tra Juventus e Milan quella che rischia di più da questa giornata è la Juventus.

MODULI A CONFRONTO

Un 4-3-3 contro un 4-4-2, pensate che il 4-4-2 è nato proprio per contrapporsi al famoso tridente, sfruttando l’arma della sovrapposizione terzini/esterni, mettendo in crisi il centrocampo a tre del 4-3-3 ma dopo questa breve nozione storica è bene ricordare che la dinamicità dei giocatori in campo portano a mutare continuamente l’assetto tattico della squadra e quindi, se prima era possibile parlare di veri e propri moduli statici, adesso non lo possiamo più fare proprio per il continuo inter cambiarsi di giocatori e dei loro ruoli.. Analizziamo reparto per reparto contrapponendone i giocatori, e basandoci su una formazione probabile, presa da fantagazzetta.it.

DIFESA: Caceres e De Ceglie se la dovranno vedere con Zanetti(che in realtà sarà Maicon a spingere) e Obi, due giocatori di tutto rispetto ma sulla carta i pericoli dalle fasce non dovrebbero arrivare ne ferire particolarmente, salvo grave disattenzioni da parte dei singoli. Barzagli dovrebbe rimanere a sedere e pregare, insieme a tutti noi, sul buono stato mentale di Bonucci. Con i due centravanti, Forlan e Milito, i centrali bianconeri saranno portati a rimanere centrali, con conseguente arretramento dei terzini che dovranno stare attenti a salire e a sovrapporsi per non lasciare scoperta la difesa.

CENTROCAMPO:

Un centrocampo a 3 contro uno a 2 è avvantaggiato di un uomo, ma Ranieri, schierando Zanetti sulla destra e Maicon terzino, sa bene che in realtà quello dell’inter è un centrocampo a 3 in zona centrale con Zanetti pronto a dare una mano sia su Vucinic che su Marchisio, abili frequentatori del centrosinistra avversario. Possiamo gioire sul fatto che in mancanza del trequartista, Pirlo potrebbe essere più libero di pensare e costruire, anche se Forlan è solito sacrificarsi.

ATTACCO:

Vucinic ha dalla sua parte Maicon che spesso e volentieri sale, quindi sarà Zanetti a fare da balia al brasiliano. Ovviamente Lucio e Samuel non staranno a vedere e la speranza dei bianconeri è proprio quella di allargare i centrali di difesa interisti, impeccabili sul gioco aereo ma in difficoltà sugli inserimenti dei centrocampisti. Gioco sulle fasce per aprire la difesa e inserimenti per affondare il colpo. Poi sappiamo molto bene che il genio solitamente fa la differenza tra un pareggio e una vittoria.

CONCLUSIONI

Poco da dire, si tratta di Inter e sappiamo tutti cosa significa. Anche nei momenti più brutti della nostra storia non abbiamo mai alzato bandiera bianca con i nerazzurri, se dovesse capitare domani sera non sarebbe una cosa brutta, sarebbe una tragedia. Se si vuol vincere il campionato si deve imparare a essere spietati fin da subito

Buona Juventus!

 

Scritto da il 24 mar 2012 . Registrato sotto Generali, Juve VS..., Lavagna Tattica, News .

TI POTREBBERO INTERESSARE

 

Sondaggio

Come completare il mercato in entrata?

View Results

Loading ... Loading ...

CJ sul tuo smartphone

LA VIGNETTA

Social Network